Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 22.00 del 24 Giugno 2019

Genoa defraudato all'Olimpico: nel mirino Di Bello e il Var

Genoa defraudato all´Olimpico: nel mirino Di Bello e il Var

- Totti dov'era?

Domenica finita la gara di Roma ho ansiosamente aspettato di vedere e sentire tutte le interviste, Sky, Rai, Mediaset, internet niente di Totti nessuna traccia, mi sono detto sarà dentro al grande fratello vip, na roba in famiglia, solo lì ormai può stare. Sarà stato nello spogliatoio di Di Bello? O magari nel gabbiotto del var con Chiffi, insieme a Nicchi a Rizzoli, la Raffai ormai non c'è più e quindi nemmeno so chi sia la sua sostituta e a Chi l'ha Visto ho dovuto rinunciare. Mentre giro per la tv vedo il faccione di Salvini e mi dico, non è manco più tempo di poter dire "Roma Ladrona" e allora mi metto lì mesto, guardo Florenzi su Pandev e da vecchia ciabatta pallonara mi ricordo com'è un campo di calcio visto da dentro, quanto è grande quanto spazio c'è dal vero, che la tv comprime, e vedo l'autostrada che tal Di Bello, (contro cui i tifosi della Lazio hanno aperto una class action portandolo in tribunale per un'altra prestazione di alto valore tecnico effettuata a loro danno, almeno secondo quanto pensano a Roma altra sponda ) sgombra ha davanti a se per vedere la spinta a due mani di Florenzi con sgambetto. Non lo ha visto?. penso non ci creda nessuno, nessun calciatore interpellato in proposito, che abbia voluto rispondere , non ammiccando con sorrisini sornioni, ha chiaramente capito e sostenuto che l'arbitro tutto ha visto. E allora iniziamo con le ipotesi. Prandelli dice il Genoa è stato defraudato, si si avete capito bene il termine è "defraudato".

La Treccani , non lo scrivente, al verbo defraudare da la seguente definizione "sottrarre con frode". Si avete capito bene, il sereno tranquillo ex CT della Nazionale parla di FRODE. Andiamo avanti. Tralascio "il malafede " con cui ha etichettato l'accaduto il Presidente o i regali alla Roma di cui ha parlato il Dg Perinetti e mi sposto direttamente sull'altra sponda.

Programma tv regionale a Telenord , il Netzer di Quezzi dice chiaramente suscitando le ire di un ex arbitro presente in studio che Di Bello ha visto tutto e non se la è sentita di fischiare un rigore nettissimo. Dossena pronuncia molte volte la parola malafede.

Il grande garantista degli arbitri Claudio Onofri, con cui dibatto se non litigo sul tema in oggetto almeno una volta a settimana è spiazzato, da come la si guardi invoca l'allontanamento di Di Bello dai campi di calcio, insomma spiazzato come lo sono stato io quando il Presidente ha richiamato Juric. Per farmi del male poi prendo il telefono e chiamo un po' di ex giocatori o dirigenti di prime squadre o settori giovanili, in camera caritas tutti indicano nell'uomo del var, cioè Totti, il vero responsabile di come la ha definita Prandelli?, a si sottrazione con frode, perpetuata a Roma. Ah maledetta tastiera da leone da tastiera con le unghie invece che Chiffi è uscito Totti. Chiffi, Chiffi è l'uomo al var che in 4 minuti è riuscito a trovare un giocatore del Genoa in fuorigioco il giorno prima per poter annullare il 3 a 2 di Lazovic, il fuorigioco di 2 millimetri c'era, grande Chiffi. Insomma l'Italietta pallonara domenica si è messa un'altra medaglia sulla camisetta, poco importa sia una medaglia di fango e non di oro, se gialla è.

Alla prossima

Martedì 18 dicembre 2018 alle 10:30:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News