Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 09.15 del 21 Ottobre 2019

Centro storico, insulti a Garassino sui muri delle Vigne: scritte anche contro Salvini

sicurezza
Centro storico, insulti a Garassino sui muri delle Vigne: scritte anche contro Salvini

Centro - Nuove scritte offensive sono comparse nel centro storico di Genova in zona Vigne: i destinatati degli insulti sono l’assessore alla Sicurezza Stefano Garassino, il sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e pure il vicepremier Matteo Salvini.

Commenti - Stefano Garassino, che ha postato le foto sul suo profilo Facebook ha scritto: «Dà fastidio il nuovo piano per migliorare il centro storico ma noi non ci spaventiamo e andiamo avanti», mentre l’assessore al Commercio Paola Bordilli sottolinea: «Stiamo lavorando bene? Stiamo cercando di tutelare quel centro storico che in tanti credevano non essere più territorio dei genovesi? Avanti tutta, senza indugio».

Rigenerazione urbana - «Questa mattina in zona Vigne, nel centro storico, sono state rinvenute delle scritte offensive nei confronti del Ministro Salvini, dell'assessore Garassino, del sindaco Bucci e del presidente Toti. Nei primi due casi, le scritte sono state accompagnate dal simbolo della falce e del martello. Un segnale di come a una certa parte politica dia fastidio il piano straordinario antidegrado realizzato dall'assessorato alla Sicurezza del Comune. Si tratta di un piano di lavoro, realizzato anche con i fondi del Decreto Sicurezza voluto dal vicepremier Salvini, che ha come obiettivo quello di definire una strategia unitaria di rigenerazione urbana e fronteggiare problemi strettamente legati alla vivibilità del centro storico. Evidentemente, certi soggetti non hanno di meglio da fare che imbrattare strutture pubbliche e private, dando dimostrazione di come al decoro preferiscano il degrado. Auspichiamo che la Digos, che ringraziamo per avere avviato le indagini, possa individuare i vandali che hanno deturpato i muri della zona in modo che questi risarciscano i danni causati. Nel centro storico e in tutta la città non c'è più spazio per queste intimidazioni».

Lunedì 29 luglio 2019 alle 11:00:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News