Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 08.00 del 25 Giugno 2019

Street Food, un ristorante e un bar aperto fino a mezzanotte: il Mercato Orientale riparte col Mog

Prossima inaugurazione
Street Food, un ristorante e un bar aperto fino a mezzanotte: il Mercato Orientale riparte col Mog

Centro - Esattamente 120 anni dopo l'inaugurazione del Mercato Orientale, il MOG - acronimo di Mercato Orientale Genova - apre in una forma assolutamente innovativa al Piano Rialzato proprio del colorato e caratteristico cuore commerciale della Città. L'inaugurazione, fissata per martedì 7 maggio alle 17.30, si delinea già come l'evento dell'anno.

Commercio - Quell'occasione perfetta in cui Genova riparte e ritrova il suo carattere a vocazione commerciale e turistica votata, mai come in questa circostanza, all'enogastronomia. «Un bar, scuole di cucina e ben 11 corner gastronomici orientati alla tradizione genovese ma dalla chiara aspirazione all’internazionalità – spiega Marco Cambi, principale attore del progetto MOG – Pesto, pizza, pasta fresca, gelato, carne e panini. L’enoteca, il bar e il ristorante. Eventi, formazione e cultura. Un’offerta ricca e innovativa che proietta la Città nel panorama europeo».

Rinnovamento -«Dopo tante chiusure, la nuova e innovativa apertura del piano rialzato del Mercato Orientale è un segnale molto importante per una formula che rinnova
il cuore commerciale della città - dichiara il presidente della Regione Giovanni Toti - Il Mercato Orientale di Genova come il mercato della Boqueria di Barcellona o il Covent Garden di Londra, dove sarà possibile incontrarsi e gustare le eccellenze dell’enogastronomia ligure nella nuova piazza del gusto, ammirare le librerie del vino, fermarsi all’Accademia italiana degli chef e frequentare le scuole di cucina. Con questa nuova apertura Genova sarà al pari di altre grandi capitali europee con mercati all’avanguardia in grado di attrarre turisti in location splendide capaci di coniugare tradizione, innovazione e qualità. Questa è la testimonianza che Genova cresce e non si arrende, per merito di imprenditori che credono e investono nella loro città per rilanciare la sua naturale vocazione turistica e commerciale».

L'evento - Una grande apertura, una vera e propria festa a tutti gli effetti in cui le grandi eccellenze gastronomiche della Città - che troveranno spazio all'interno del MOG grazie all’idea brillante di un gruppo di imprenditori genovesi - si presentano. Sarà tutto questo la Festa di Apertura di martedì 7 maggio. Non mancherà, con la magia degli strumenti suonati dagli allievi, una delegazione di studenti del Conservatorio "Niccolò Paganini", orgoglio tutto genovese.

Turismo - «Il Mog risponde pienamente alle caratteristiche della Genova città leader in Europa che stiamo costruendo – sottolinea Marco Bucci, Sindaco di Genova – Realizzare un mercato di questo tipo significa anche aggiungere un importante e strategico tassello alla vocazione turistica della città. Il Mercato orientale è già uno spazio molto visitato e apprezzato da chi viene a vivere Genova: adesso i turisti potranno godere anche dell’eccellenza dei nostri prodotti mentre i genovesi avranno uno spazio in più di grande qualità di cui poter godere».

Ristrutturazione - Ilaria Cavo, assessore regionale con deleghe alla Formazione, Scuola, Spettacolo e Cultura: «Questa operazione consente di recuperare un luogo importante della città che tornerà vitale grazie all'intervento di un gruppo di imprenditori genovesi. All'interno della ristrutturazione troveranno posto, insieme agli esercizi commerciali, anche incontri e eventi culturali aperti al pubblico. Trovo estremamente importante che uno spazio rimasto in disuso per parecchio tempo venga restituito alla città e che possa ospitare al suo interno attività culturali e di aggregazione sociale; Genova deve aspirare a trovare una nuova dimensione europea e progetti come il MOG aiutano concretamente ad andare verso quella direzione».

Mercato - «Il recupero del piano rialzato del Mercato Orientale che diventa una vera e propria piazza del gusto rappresenta per Genova l’occasione di inserirsi nel circuito dei grandi mercati europei, poli di attrazione e di socializzazione a forte richiamo turistico - commenta Barbara Grosso, assessore al Marketing territoriale del Comune - Una scelta che conferisce alla nostra città un respiro internazionale ma nel contempo propone un’enogastronomia legata alle eccellenze del nostro territorio». «Un progetto importante per la nostra città che abbiamo seguito passo dopo passo. Progetto per il quale il Comune, anche attraverso gli uffici del commercio che ringrazio, è stato facilitatore e collaboratore in una forte logica di sinergia pubblico privato su cui la nostra amministrazione sta puntando molto – sottolinea Paola Bordilli, assessore al Commercio del Comune di Genova – Andremo a realizzare uno sportello d’informazione e accoglienza turistica al fine di far convergere sempre più visitatori in questa zona della città. Realtà aumentata, cornici digitali che mostreranno foto dei principali siti turistici della città. Visite guidate al mercato».

Gestione - Paolo Odone, Presidente ASCOM-COFCOMMERCIO GENOVA: «Tutto nasce dall’idea di costituire in Consorzio gli operatori dei mercati, impegnarli direttamente nella gestione del mercato, nelle manutenzioni e nelle ristrutturazioni. Un’idea nostra, della nostra Associazione, che oggi ha consentito a un gruppo di imprenditori tutto genovese di intervenire sul pezzo più pregiato della collezione, lo storico Mercato Orientale. Qualcuno ha detto il più bel Mercato del Mondo e forse non ha esagerato. Il Food Market nel padiglione Hennebique realizzata dal MOG mancava sicuramente all’interno della struttura che diviene così ancora di più luogo imperdibile per qualsiasi turista che visiti Genova. Formidabile e degno di nota anche il fatto che in un momento in cui importanti marchi della distribuzione abbandonano il centro di Genova siano imprenditori genovesi che dimostrano invece di credere alla città e ai suoi storici mercati».

Sabato 4 maggio 2019 alle 16:45:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News