Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 13.00 del 21 Ottobre 2019

Di Francesco: «Voglio una squadra che imponga il proprio gioco»

Il mister della Sampdoria si è presentato in conferenza stampa. Sul mercato ha aggiunto: «Cerchiamo un difensore centrale di destra e un attaccante esterno»

le prime parole
Di Francesco: «Voglio una squadra che imponga il proprio gioco»

Genova - «Sono contento di tornare ad allenare dopo l’esperienza con la Roma. Sono in una grande piazza e il mio obiettivo è cercare di ottenere risultati e far divertire il pubblico»: così l’allenatore della Sampdoria Eusebio Di Francesco durante la conferenza stampa di presentazione.

Passato - Di Francesco ha svelato un aneddoto: «Qualche anno ci fu un contatto con la Sampdoria ma poi finì lì. Stavolta invece la musica è diversa, il presidente è stato convincente e sono contento di essere qui».

Motivazioni - Sugli obiettivi il neo mister doriano è chiaro: «Quello che chiederò alla squadra è umiltà, proveremo a fare meglio dell’anno passato. Quagliarella? Ho avuto modo di sentirlo per telefono, è il capitano della squadra. Alla Sampdoria credo si possa costruire qualcosa d’importante e poi mi piace avere una tifoseria che ti carica sempre come la Gradinata Sud».

Innesti - La Sampdoria ha già aggiunto alcuni tasselli alla rosa ma mancano ancora degli elementi per completarla. Di Francesco ha indicato i ruoli: «Con la società stiamo lavorando per trovare un centrale destro e un attaccante esterno, mi fido di Osti e dei miei dirigenti. L’obiettivo insieme alla società è costruire una rosa funzionale al mio gioco ma non per questo mi ritengo un’integralista. Gabbiadini? Voglio capire il suo ruolo ideale, per giocare sugli esterni i calciatori devono avere caratteristiche precise. Verdi e Berardi? Il primo lo conosco bene, il secondo l'ho allenato al Sassuolo. Detto ciò dobbiamo anche sapere dove possiamo arrivare. Maroni? Può giocare esterno si sinistra come Caprari».

Stracittadina - Di Francesco, nel suo passato a Roma, ha giocato sia i derby contro la Lazio da calciatore (segnando pure) che da allenatore. Ecco il suo pensiero su quello di Genova: «Sarà una partita coinvolgente non soltanto in campo ma anche fuori. Spero di portare avanti la striscia positiva di questi ultimi anni».

Caratteristiche - «Non fissiamo troppi paletti, pensiamo partita in partita. Dobbiamo provare a fare sempre il nostro gioco sia in casa che in trasferta anche se non sempre sarà possibile. L’importante però è non snaturarci»

Lunedì 8 luglio 2019 alle 17:50:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News