Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.55 del 9 Dicembre 2019

Protezione civile e difesa del suolo, pioggia di milioni per 105 Comuni liguri | Video

Protezione civile e difesa del suolo, pioggia di milioni per 105 Comuni liguri<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/protezione-civile-e-difesa-del-suolo-pioggia-di-milioni-per-105-comuni-liguri-2188.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>

Liguria - Più di 205 milioni di euro verranno ripartiti fra 150 comuni liguri per oltre 800 interventi di manutenzione e ripristino dopo i danni del maltempo dello scorso ottobre e novembre, e per interventi strutturali di difesa del suolo. È questo il risultato, storico, ottenuto con la somma di diversi finanziamenti: 102 milioni dalla legge 145/2018 “comma 1028”, 21 milioni dal Decreto Fiscale del DL 119/2018, 29 milioni dal DCM del 27 febbraio scorso, 8 milioni dal comma 125 della Legge di Bilancio e i 32 milioni assegnati dal Fondo Strategico Regionale approvati dal Comitato di controllo nella riunione del 18 marzo scorso, a cui si sommano ulteriori 11,3 milioni preassegnati.

«La Liguria non ha mai visto uno stanziamento simile, col quale andiamo finanziare centinaia di interventi a neanche cinque mesi dal maltempo di fine ottobre - ha commentato il Presidente della Regione Liguria e Commissario straordinario per l’emergenza Giovanni Toti - A questi si sommano più di cinquanta cantieri strategici per la Regione, finanziati dal nostro Fondo Strategico, e molto attesi dai territori. È il segno che quando la politica mette da parte le indecisioni e lavora di comune accordo per il bene dei cittadini, le cose si possono fare, e bene, anche in questo Paese».

«Lo stanziamento che ci è stato riconosciuto è senza dubbio anche il riconoscimento di un sistema di Protezione Civile regionale che ormai è all’avanguardia nel Paese - ha sottolineato l’assessore regionale alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone - La ripartizione di questi fondi avviene con un dialogo molto costruttivo col Dipartimento Nazionale, col Governo e ovviamente con tutti i Comuni che stono stati indicati come coadiuvatori di questo importante percorso perché sono loro stessi ad avere stabilito le priorità che abbiamo inserito in questa proposta di riparto. Proposta che è per il 2019 e a cui seguirà nei prossimi mesi anche quella sul 2020 con altri cento milioni di euro, in modo da non lasciare indietro nessun intervento. Per la prima volta in assoluto a 5 mesi nemmeno dall’evento riusciamo a ristorare anche circa il 75% dei danni patiti dalle aziende e dai privati: credo che sia un risultato mai visto nelle tante emergenze a cui la Liguria ha purtroppo dovuto far fronte, sintomo di una grande collaborazione istituzionale che dà i suoi frutti anche in situazioni come queste, quando troppo spesso i risarcimenti arrivano invece a distanza di anni».

Il Comitato di controllo del Fondo ha assegnato i finanziamenti a 55 interventi in tutta la Regione: venti Comuni, due Provincie (Savona e La Spezia) più cinque interventi a regia regionale, per un totale di oltre 32 milioni di Euro nel biennio 2019-2020 (13.272.821 Euro per il 2019 e 19.437.602 per il 2020). A questi si sommano ulteriori quattro interventi preassegnati per circa 11,3 milioni. Fra i progetti finanziati il ponte sul Calcandola e la piscina di Santa Caterina a Sarzana (SP), il Begato Project a Genova, ben 17 interventi nel comune di Imperia per un totale di 6,3 milioni di euro, il rifacimento del ponte di Murialdo (SV) e della passeggiata a mare di Varazze (SV). Con la legge 145/2019 per la Liguria sono stati stanziati 102 milioni e 673mila euro per i danni al comparto privato e pubblico. Questi ultimi cubano 27.235.736 Eu e coinvolgono 92 Comuni per 156 interventi cantierabili entro il 30 settembre 2019. Fra le tranche più importanti spiccano i 1,35 milioni per Alassio (SV), i 700mila Euro per Riomaggiore (SP) e i 550mila per Pietra Ligure (SV). Il comparto privato si vede affidati più di 75 milioni di euro, ovvero una copertura stimata del 75% dei danni a fronte di richieste che si aggirano intorno ai 97 milioni di euro – dei quali 9 a beni privati e il rimanente ad attività economiche. Dal computo sono esclusi i danni “minori”, fino a 5mila euro per i privati e fino a 20mila per le attività economiche, che beneficiano di ulteriori 29 milioni derivanti dal riparto del DCM 27/2/2019.

Mercoledì 20 marzo 2019 alle 20:15:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

21/03/2019 - Protezione civile e difesa del suolo, pioggia di milioni per 105 Comuni liguri



Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News